Posts in: novembre, 2013

SPIRITO MEDITERRANEO – di Alessandro e Leonardo Matassoni

Salk Insitute, Louis Kahn - immagine tratta dall'album di " Xavier de Jauréguiberry"

” ….. Camminando lungo un tunnel stretto e scuro dell’Alhambra, ai miei occhi comparve, sereno, silenzioso e solitario, il bel Patio de los Mirtos. Racchiudeva ciò che deve contenere un giardino perfetto: niente meno che l’universo intero”.

Luis Barragan

 

Si sa che l’architettura ha una grande capacità comunicativa e può trasmettere dei significati subliminali; ciò vale tanto più per un museo che come opera architettonica specializzata nella trasmissione dei suoi contenuti dovrebbe essere esso stesso, in quanto oggetto architettonico, il loro principale veicolatore.

Per il museo delle civiltà mediterranee, aperto al pubblico recentemente nel porto di Marsiglia, senza dubbio Ricciotti si sarà interrogato su come sia possibile far sì che un’architettura museale possa sublimare i caratteri della mediterraneità.

E’ possibile codificare questi elementi e farne la base di un processo progettuale?

[caption id="attachment_501" align="aligncenter"

TOY ARCHITECTURE – di Alessandro e Leonardo Matassoni

7759668956_5687efd7ee_z

“La semplicità nell’arte è, in generale, una complessità risolta”

Constantin Brâncuşi

 

Se la “sintesi” artistica è il prodotto di un paziente processo di approfondimento, selezione e scarto, è possibile che possa essere raggiunta più direttamente attraverso l’applicazione di un metodo chiaro e sempre valido?

Vi sono architetture che rivelano chiaramente un metodo compositivo ben preciso che a volte viene illustrato ed utilizzato dagli autori stessi in maniera didascalica; sulla scena internazionale l’esempio più evidente in questo senso è costituito probabilmente dallo studio danese Bjarke Ingels.

I “BIG” compongono le loro architetture con un’operazione di anamorfosi plastica perfettamente illustrata nei loro schemi, in cui si evidenzia come, a partire da un volume iniziale stereometrico o da una forma regolare e compatta, si proceda in sequenza alla sua foratura da parte dei flussi urbani, alla sua successiva