Posts Tagged Under: Gherkin Tower

FATTORE DI SCALA – di Alessandro e Leonardo Matassoni

sullivan 2

la forma segue la funzione…….. anche se non sembra!

E’ nitido il ricordo della sensazione spiazzante provata a Londra visitando la Gherkin Tower! Quando si attraversa la piazza antistante, da lontano la torre si staglia in tutta la sua armonica razionalità, ed è bellissima, poi però avvicinandosi, si viene colti di sorpresa da un’impressione vagamente deludente come di un giocattolone fuori scala!

Forse la compattezza della forma si accorda male al contesto, o potrebbe dipendere dalla macrostruttura diagonale che arriva fin giù alla piazza, senza alcun attacco a terra, cioè senza elementi che possano mediare tra la dimensione del grattacielo e quella umana. O forse dipende dalla consistenza e dall’aspetto dei gusci che la rivestono e che le fanno assumere un aspetto un po’ ”plasticone”, suonano a vuoto e sono


PIAZZA VERTICALE – di Alessandro e Leonardo Matassoni

seattle 16

 

“… In realtà i media elettrici non allargano la dimensione spaziale, ma piuttosto la sopprimono. Grazie all’elettricità ristabiliamo ovunque rapporti diretti, come nel più piccolo dei villaggi….”

Marshall MacLuhan

 

M. MacLuhan nel suo famoso saggio “Il medium è il messaggio”, interpreta la storia umana come un succedersi di tensioni generate dall’emergere dei nuovi media (di qualunque genere), intesi come estensioni delle capacità e delle possibilità umane (tecnologia) e la conseguente necessità di recuperare un “equilibrio omeostatico” metabolizzandone gli effetti e, in qualche modo, combinandoli con il mondo che hanno appena sconvolto. In quest’ottica il momento storico che stiamo vivendo, sulla soglia  dell’era del villaggio globale e di una nuova sensitività universale è davvero interessante ed è evidente che l’architettura non può non registrare le inquietudini che l’accompagnano. Come dovrebbe essere allora un’architettura per una importante compagnia attiva in